#Editoriale 0.4

È passata un’altra settimana, sono passati i festeggiamenti natalizi, i tanti “a te e famiglia”, i pranzi e le cene con i parenti serpenti, i regali improbabili delle zie, le infinite e noiose tombolate, le partite a carte, ma soprattutto è passato Babbo Natale, carico di nuove microstorie, scritte appositamente per voi, per cambiarvi le giornate e trasmettervi allegria se siete troppo tristi o tristezza se siete troppo allegri.

“Possiamo fare di più” è il leitmotiv degli ultimi giorni.

Nonostante le visualizzazioni siano notevolemente incrementate, le visite raddoppiate, il collettivo continua a crescere, accogliendo nuovi membri, nuovi autori e nuovi fans.

Siamo come un virus: vogliamo contagiarvi con la buona lettura e infettarvi con la nostra idea.

Questa settimana vi aspetteranno fantastiche storie, parleremo di pirati sghembi, cantanti, musicisti e compositori, parleremo addirittura di funerali. Siamo sicuri che vi cambieremo le giornate, rimarrete stupiti. Leggeteci e non perdete l’appuntamento, giovedì è vicino!

Nota a piè di pagina: il collettivo ringrazia sentitamente la redazione del sito http://www.lecitta.it, il quotidiano freepress, che ci ha concesso un piccola intervista, nella quale spieghiamo i nostri obiettivi e le nostre aspettative: http://www.lecitta.it/spettacoli-a-roma/116-play-time-1/10461-nasce-microtales-org-la-voce-della-generazione-inespressa

Buon Natale!