#Editoriale 0.5

Ci siamo divertiti, abbiamo scherzato, Babbo Natale è arrivato anche quest’anno, ma il ritorno alla realtà è stato piuttosto brusco.

Nell’ultimo meeting tra i vertici di microtales, il Moro (socio anziano e venerabile) s’è alzato imponendo il suo diktat:

“Da oggi spammiamo pure Selena Gomez! una frase a caso? un pensiero profondo? La nostra risposta sarà: Potresti scriverci una storia!”

Questo entusiasmo ci ha contagiato. Spammeremo le vostre bacheche di twitter e Facebook.

Avete presente Babbo Natale?

Ecco, noi non siamo Babbo Natale! Noi non vi lasceremo mai soli.

Ogni Giovedi microracconti, storie intense e leggere, dense o nonsense.

Potete scrivere, potete leggere e microtales sarà casa vostra per il tempo necessario. Vogliamo che partecipiate!

Fatte le dovute capriole, il mondo lo vogliamo cambiare davvero.

Male che vada vi avremo cambiato 5 minuti, il pomeriggio. Se andrà bene vi avremo cambiato la giornata.

Ciò che conta sono i frammenti di racconti. Vogliamo che si moltiplichino e spacchino l’apatia giornaliera.

Che la giornata nella catena di montaggio atta a produrre, si scardini per sempre.

Il cervello è fatto per pensare, e se le folle non pensano le derive ritornano.

Perciò nel nostro piccolo abbiamo una missione rivoluzionaria, che porteremo avanti con o senza Babbo Natale.

Ed ecco a voi le 10 capriole di questa settimana:

#Cartadaregalo

#Vorrei

#BabboNatale

#Perderelamore

#ATeEFamiglia

#CapitanZero(2)

#Ilmiofunerale

#Terra

#NonaSinfoniainReminore

#Luci

La parola settimanale: Ironia