#Direttivo 0.3

Vademecum per le elezioni:

Non si crede nello Stato borghese.

Non ci si identifica nei conglomerati politici, che neanche possono più chiamarsi partiti, che rappresentano solo interessi industriali e finanziari.

Non si ossequiano istituzioni che fanno solo gli interessi della classe patronale.

Non ci si illude della formale e fittizia rappresentanza politica.

Non si crede che il potere si concentri ancora nelle spoglie camere del parlamento.

Non si spera, si ha fede!

Non si vota per convinzione, ma per responsabilità.

E la scelta non può che ricadere sull’ultimo leader politico che porta ancora i capelli come Lenin.