#Passione

Lo sfiorava distrattamente, mentre ascoltava la storia. Ogni tanto lo stringeva e sentiva il calore propagarsi dalla sua mano a lui. Muoveva le dita veloci e ne toccava curve e superfici, ansiosa, con l’aspettativa di avventure strane, con le orecchie tese per sentire parole, la testa piena di voglie, il corpo teso. Lo strinse forte nella mano, era il momento giusto, la tensione al culmine. Scosse la mano, la aprì, lui finalmente ne uscì trionfante: “20! Oh sì, ho fatto un critico, il dado non sbaglia mai! Ora vi ammazzo tutti.”

La passione per i giochi di ruolo non l’abbandonava mai.