#Editoriale 1.3

Un felice sabato a tutti voi, lettori e novellieri.
Questa settimana abbiamo cambiato la giornata di molti, ad alcuni l’abbiamo peggiorata, ma fa niente, “c’avemo provato. Daje!”
Ma c’è ancora tanto da fare, tantissimo.

Da parte nostra vorremmo che continuaste a divertirvi, leggere, scrivere e se vi fosse piaciuto, condividere.
Inoltre abbiamo stilato un lista delle risorse che potrebbero aiutarci nel prossimo futuro:

  • mentori per i nuovi arrivati
  • editori
  • idealisti

Mandateci una email se interessati. (Ricordatevi che lo facciamo per la gloria)

*Piccola digressione

Ogni settimana leggiamo racconti che lasciano, in un modo o in un altro, il segno. Naturalmente li leggiamo tutti con entusiasmo:

  • vivendo ogni storia come fosse un frammento libero di creatività;
  • e per la curiosità di conoscere il mondo da un’altra prospettiva;

Cerchiamo di far muovere con scrittura e lettura la coscienza critica di quanti, me per primo, l’avevano persa.

La nostra visione non è trascendente ma profondamente immanente nel contesto in cui agiamo.

Ed è per questo che vogliamo che partecipiate, aspirando all’inclusivo, e alla ricerca di quella coscienza collettiva atta alla critica attiva.

Ma ora torniamo a quello che conta veramente.

Signore e signori, le storie della settimana:

#FinisTerrae

#EinsteinVsMe

#NelDeserto

#LaDurataDelLimite

#Metallo

#Silenzio

#Loop

#ILimitiDelMondo

#ChiSiLimitaèPerduto

#Tangenziale

#IlCuoreNelleScarpe

#Passi

#Fuori

#Conati

#DistributoreAutomatico

#Lacrime&Whiskey

#Messaggi

La parola è Disordine