#IlTirchio

[aperitivo, primo appuntamento]

– “dai dividiamo
– “no, tranquilla
– “sicuro?
– “dai, vabbè, damme 10€ chè il vino lo offro io!

In totale sconforto è così che voglio parlarvi della nuova chiave spaiata della settima: il tirchio.
Attenzione, questa non è una crociata sul fatto che siano gli uomini a dover pagare anche l’aria che respiriamo, perchè se c’è una cosa che mio padre ha insegnato a me e mio fratello è che io non devo dipendere da nessun uomo, ma mio fratello non deve far mancare mai nulla alla sua donna ed io trovo che sia giusto così. Ripeto, non vuol dire che sia sempre l’uomo a dover offrire, ma cacchio al primo appuntamento non posso e non voglio sentirmi dire “vabbè damme 10€ chè il vino lo offro io“.
V. non è stato il primo, perchè c’è stato S. che, al primo appuntamento -bicchiere di vino e cinema – non ha nemmeno fatto il gesto di pagare, giustificandosi: “tanto il cinema lo avrei pagato io“. A quel punto puoi solo pagare tu per entrambi perchè “ste poracciate le fai con qualcun’altra“.
Il tirchio di tasca lo è anche di cuore, quindi, statemi a sentire: scappate.
Non si tratta di essere ricchi o di rinnegare anni e anni di evoluzione sociale, ma semplicemente di rispolverare quella vecchia e sana galanteria che, oggi come ieri, noi donne apprezziamo: il sentirsi amate e desiderate, anche con un piccolo gesto, un fiore, una porta aperta e -perchè no- con un bicchiere di vino offerto.
Per favore, ritorniamo ai ruoli di partenza: gli uomini corteggiano e le donne si depilano.