#IlComputer 2 (Resurrezione)

I sei mesi di aspettativa che Marco si era preso per mettere in sesto la sua vita, non furono un percorso semplice e lineare. Anzi… all’inizio, pensando di dimenticare tutti i suoi fallimenti, condusse una vita disordinata e senza scopo, passando da una donna all’altra e intrattenendo con loro brevi relazioni senza alcun sentimento. Ma alla fine di ogni esperienza si sentiva sempre più depresso e vuoto nell’animo.

Arrivò a convincersi che, ormai, la sua vita fosse segnata e che non si sarebbe mai più ripreso da quella prostrazione cronica. Un giorno, durante una riunione in casa di amici, conobbe Anna. Marco fu colpito dalla dolcezza del suo sguardo e dalla capacità d’interesse che suscitava in lui con i suoi discorsi assertivi.

Decisero di frequentarsi.

Col tempo condivisero idee e iniziative. Fatalmente tra loro sbocciò l’amore.

Una sera, mentre assistevano ad un concerto, sentendo le parole di una canzone che dicevano, «E quando pensi che sia finita è proprio allora che comincia la salita», Marco capì che finalmente stava uscendo fuori dal tunnel oscuro.

Quella sera Anna e Marco uscirono dal concerto tenendosi per mano, canticchiando «Che fantastica storia è la vita», tutti e due consapevoli che Marco era riuscito a concludere il cammino intrapreso e che lo aveva portato a risorgere.