#Lucky

Avevo un cane di nome Lucky. Fortunato. No non è vero. Non si chiamava Lucky. Sarà stato fortunato comunque essendo stato adottato da me? Lo spero. Ho voluto molto bene al mio cane, mi manca molto. Comunque, l’argomento comunicatomi dai ragazzi della redazione con colpevole ritardo (!) sarebbe la Fortuna. E, al di là della questione del cane che non si chiamava Lucky ma gli ho voluto bene “bello che eri patatone lui fai seduto, fai seduto! Braaavo…” eccetera eccetera, avrei anche, nel mio piccolo, qualche episodio fortunato che potrei raccontare, ma non lo farò. È infatti per questo motivo che sto cercando di tirare per il lungo la cosa sperando in un po’di fortuna nel trovare idee da scrivere manco fossi ‘no scrittore in scadenza con la consegna come da contratto, ma quale fortuna. Comunque dai, su Rai 5 c’è un documentario sul blues, sono le undici e mezza di sera, e adesso rileggo ‘sta cagata che ho scritto e la mando ai ragazzi. Poi esco di nuovo a fumare.