#Lettera

Non scordarti di sorridere, è raro vedere il tuo viso quando le labbra si schiudono e gli occhi si increspano appena. Credi in te, sii forte davanti al destino, lo sai, gli piace colpire a tradimento. Prenditi cura di te, non dubitare mai di essere degna d’amore, non accontentarti, concediti carezze e baci, che siano assoluti, sinceri, per te sola. Disprezza le superficialità, ricerca sempre il vero in tutte le cose, in ogni persona e, quando sarai sola nelle albe in cui non troverai pace, lasciati andare alla bellezza che ti circonda, al mistero che non sai interpretare e mi ritroverai. Quando fuori pioverà e non vorrai uscire o sentirai freddo di notte, a letto, a luci spente, dopo l’ultimo respiro prima di addormentarti; quando le persone se ne andranno, per noia, rabbia, destino e nello specchio, quasi d’improvviso, vedrai il volto di una donna diversa, mutata dal tempo e dalla vita e non saprai se sorridere o provare amarezza ci sarò, con tutto l’amore, la tenerezza, la tenacia e la forza. Rimarrò quando gli anni avranno sgretolato ogni maschera e la bellezza non ti spaventerà più. Rimarrò nella stanchezza dei passi svelti dentro la notte, nell’orizzonte, dove il tuo sguardo guarderà lontano, si perderà e innamorerà della vita, ancora e ancora. Sarò ovunque si poserà il tuo respiro, invisibile e ferma, roccia sospesa fuori dal tempo, l’altra te silenziosa che non ha mai smesso di correre, anche quando pensavi di non aspettare più niente.