#Editoriale 5.2

Cari lettori e novellieri come avete notato, sabato c’è stato il primo raduno del collettivo. Per motivi logistici siamo riusciti a riunire, in gran segreto come i carbonari, solo la parte romana, quella più violenta e rivoluzionaria, capitanata da @bardamu85, che ha annunciato di voler continuare lo sciopero, non accettando mediazioni o compromessi.

Finalmente abbiamo dato un volto ad @amochilegge e @oldfashioned487, che ringrazio vivamente per aver partecipato e per la loro puntualità! La prima, l’abbiamo riempita di adesivi, con l’obiettivo di attaccarli ovunque, anche sulle vetrine dei bar gestiti da persone poco avvezze alla solidarietà. La seconda, invece, sta riflettendo sul gran ritorno. Ci siamo quasi, c’era convinzione nei suoi occhi, o almeno credo.

Menzione particolare ed un grandissimo ringraziamento anche a @stefanofelici che ha partecipato insieme alla sua amata @MaraRaqu, nota tweetstar, ma anche nota rompicoglioni del mondo social. Grazie a @stefanopro, fratello e grande amico, grazie a @glifoscillante ed un ringraziamento speciale anche a Paola, Giulia, Elisa, Emanuele, Nora, Valerio Harambe, Yuri, Roberto, Sofia e Alessio.

Grazie anche all’ideatore del collettivo @vmbeat che, seppur in ritardo, si è presentato insieme alla sua amata Roberta, portando con sé una ventata di felicità e spensieratezza.

Consiglio della settimana: Se il nostro Ministro chiede la chiusura dei porti, noi apriamo i cuori e mostriamo la nostra solidarietà. Il mondo è di chi soffre e lotta, non di chi comanda.