#Editoriale 5.9

Un felice sabato a tutti voi, lettori e novellieri.

È un’epoca di pazzi, come tutte le epoche del resto.
Ad oggi il dislivello tra avanzamento tecnologico e progresso umano (a discapito del secondo naturalmente), ci sta portando in una realtà fatta di scimmie urlanti col cellulare in mano (agli “Interni” prove tangibili).
Siamo entrati in una fase storica in cui: “Meme” e “frasi troncate”, senza alcuna fonte, si diffondono sui social. Ciò non bastasse, ad essere colpiti, soggetti privi di critica attiva e pronti a rimpolpare le schiere di movimenti reazionari.
Attenzione, non sono solo semplici mode, ma nuovi metodi di manipolazione.

Preoccupano in prospettiva le tecnologie deepfake che rendono realistico l’impossibile.

Noi crediamo che l’unica arma a nostra disposizione sia la “narrazione”, sia essa scritta o parlata.
La narrazione è conoscenza, progresso, ragionamento.

Perciò, come rivoluzione settimanale, conieremo slogan e diffonderemo chiavi narrative.

La parola della settimana è Solidarietà.

*
Comunicazione di servizio: Microtales non andrà in vacanza.
No, non andremo perché sono passati solo 469 post da quando abbiamo iniziato (questo il 470).
Diluiremo semplicemente i tempi di pubblicazione per via del caldo.
*