#IniziazioneAllaVirtù

“Dovrete ora affrontare un’ultima prova, la più temibile e ardua, per poter far parte di questa comunità: l’attraversamento del Fuoco e dell’Acqua. Il primo, bruciandovi, purificherà le vostre anime dalle colpe; la seconda, lavandovi, le battezzerà facendole rinascere a nuova vita. Se sopravvivrete, sarete infine congiunti in matrimonio.”

Così disse il Re del Giorno. Ma Tamino e Pamina, che si amavano, si crucciavano terrorizzati:

“Come potremo riuscire in simile impresa – disse l’uno – noi imprigionati in questa carne soggetta a corruzione, sofferenza e morte? Periremo di certo; eppur periremo insieme, tale è l’unica mia consolazione.”

“Non abbattiamoci – rispose l’altra – ché se questa è una prova comune tra gli eletti, vuol dire che è raro, e tuttavia possibile riuscirvi. Prendimi la mano, abbracciami! Dammi ancora un ultimo bacio, che le mie labbra saggino la tua passione, e sia quel che sia.”

“Amata mia, dura è la via verso la Sapienza. Ma l’Amore ci sostiene e sprona a tentare. Così alta è la meta, tanto allettanti i suoi tesori! Tu hai deciso di percorrer con me la strada, e io ti bramo con tutto me stesso. Come potrei sopportare di perderti?”

“Non mi perderai, ed io non ti perderò. Piuttosto, prendi il flauto magico: mio padre lo intagliò da un albero incantato, e adesso è tuo. Il suo suono ci proteggerà da ogni male.”

“Eccolo, la musica ci mantiene incolumi nel passaggio. Suonerò per te la più bella delle arie, e supereremo trionfanti le fiamme e i flutti. Orsù, andiamo!”